I notturni di Chopin
Scritto da Maestrina   
Mercoledì 13 Gennaio 2010 22:23
chopin
In epoca romantica il Notturno fu una breve composizione, prevalentemente pianistica, di carattere melodico e sognante.
I Notturni sono il prodotto più tipico, noto e universale, dell’arte e della produzione di Chopin.
Sull’idea musicale di una melodia largamente cantabile ed ornata, modellata sull’arte del “bel canto” italiano, di carattere dolce, carezzevole, talvolta triste e malinconico, accompagnata da accordi ribattuti o arpeggi a parti late, egli operò con genialità melodica e tonale, e un cromatismo ardito e innovativo.
 
Siamo nell'Ottocento e le  possibilità d’espressione artistica si sviluppavano verso ambiti di estrema sensibilità emotiva, finchè il Romanticismo finì per prediligere atmosfere notturne per dar voce alle vicissitudini sentimentali. Non c’è dunque da meravigliarsi che nell’Ottocento i compositori per pianoforte adottassero spesso la forma del Notturno per dare espressione a intime emozioni. Così questo titolo non stava più ad indicare le occasioni esteriori della composizione, ma intendeva suggerire un’atmosfera tutta particolare, un “accento emotivo, dove il mondo esterno, avvolto nell’oscurità o rischiarato da una luce crepuscolare, non coinvolgeva direttamente la fantasia ma lasciava libero spazio a segreti stati d’animo, sì che tutto si ripiegava in una dimensione intima. 
Per la realizzazione dei suoi notturni, Chopin prese spunto da composizioni che si adattavano facilmente alla sua indole sognante e tipicamente romantica.
In un primo momento egli trasse la sua ispirazione dalle opere dell' irlandese John Field; tuttavia, diversamente da questi, componeva per esprimere le sue più intime sensazioni, piuttosto che per assecondare il pubblico.
 
Le composizioni di Chopin sono il trionfo del canto, del bel suono e dell’espressione; esse sono per lo più opere in un’unica sezione monotematica, in forma di una monodia accompagnata.
Il maestro polacco le insegnò spesso ai suoi allievi affinché imparassero che cosa intendesse per suono e per tocco.
Rispetto a quelli di Field, i Notturni di Chopin hanno (spesso, ma non sempre) la peculiarità di essere divisi in più sezioni tematiche contrastanti: troviamo accostate varie espressioni di stati d’animo (dolci, tenere, sognanti, ma anche violente) ed inoltre un uso più raffinato degli abbellimenti che ora si fondono totalmente con la melodia. Tema ricorrente è lo spirito polacco, legato indissolubilmente a tutte le opere del compositore.
Commenti (0)Add Comment

Scrivi commento

security code
Scrivi i caratteri mostrati


busy